venerdì 11 febbraio 2011

Tele(visioni).

Da anni seguo Chi vuol essere milionario? con la stessa morbosità con cui un prete pedofilo segue lo Zecchino d’Oro, quindi ero anch'io visibilmente emozionato durante la lettura della fatidica domanda da un milione di euro. La tensione in studio era palpabile: perfino l'arruffa-pensionate Gerry Scotti tremava, madido di sudore come un carpentiere magrebino. “Ed ora Umberto, per un milione di euro: quale evento cerebrovascolare causa una perturbazione acuta della funzionalità encefalica?” - “Federalismo!” - “Peccato, Umberto. La risposta esatta era ictus”.

Nemmeno il tempo di riprendermi dalla delusione e quel garrulo scherzo della natura di Alfonso Signorini già zompettava nel suo body rosa shocking d'ordinanza. Ospiti nel sobrio e raffinato salotto di Kalispera, Sabrina e Michele Misseri. Durissimo il confronto tra i due: “Trovo aberrante che tu sostenga di voler diminuire la pressione fiscale, avendo aumentato di soppiatto le addizionali Irpef!”, è stata l'accusa di Michele nei confronti della figlia. Pronta la replica di Sabrina: “Davvero pensate di rilanciarvi puntando su Toni e Matri? Altro che Champions, Udinese e Palermo non vi fanno andare manco in Europa League!”.

Roba troppo forte per i miei gusti, così me ne torno su Youporn a guardare i confronti elettorali tra Cameron, Clegg e Brown aspettando che l'effetto dell'MDMA inizi a scemare.

Nessun commento:

Posta un commento